728x90 AdSpace

Breaking News

mercoledì 21 agosto 2013

SCUOLA – Immissioni in ruolo, beffa per 2mila docenti vincitori del concorso a cattedra, non ci sono i posti!

SCUOLA – Immissioni in ruolo, beffa per 2mila docenti vincitori del concorso a cattedra: per loro non c'è posto tra gli 11.200 annunciati dal Miur!

 

Dopo aver superato la selezione nazionale, in 7.351 su 11.542 sarebbero dovuti entrare in ruolo entro il prossimo 1° settembre. Ora, invece il Miur cambia i numeri e decide di assumere al ribasso, danneggiando 2.032 candidati idonei: nella primaria 1.161 idonei dovranno attendere almeno un anno; esclusi dalle assunzioni anche 266 della scuola dell'infanzia, 558 delle medie e 47 delle superiori. Ora rimarranno tutti senza lavoro e con il rischio di decadere assieme alla graduatoria.

 

Pacifico (Anief): tutto ciò ha dell'incredibile, perché l'amministrazione prima mette i posti a concorso, poi realizza dure selezioni, ma alla fine premia solo una parte dei vincitori perché nel frattempo i posti sono spariti.

 

Il gioco al ribasso condotto dai ministeri dell'Istruzione e dell'Economia ha portato alla concessione di appena 11.200 immissioni in ruolo per il 2013. E lasciato in sospeso, per il secondo anno consecutivo, le assunzioni degli Ata. Secondo l'Anief si tratta di un comportamento inaccettabile, una vera offesa alla categoria. Solamente tra i docenti le assunzioni dovevano essere almeno 50mila: stiamo parlando di oltre 23mila cattedre curricolari e sostegno vacanti, più altri 27mila solo di sostegno che il Ministro ha detto di voler trasformare da posti in deroga in unità da aggiungere all'organico di diritto.

 

Ma c'è dell'altro. Perché oltre 2mila vincitori del concorso a cattedra, dopo aver superato una durissima selezione – con 200mila aspiranti, una prova preselettiva, tre verifiche scritte e due colloqui orali - rimarranno senza lavoro. Nel settembre 2012 il Miur aveva infatti decretato che tra gli 11.542 vincitori del concorso a cattedra, circa il 64% (7.351) sarebbe entrato in ruolo nell'anno scolastico 2013/2014. Con i restanti 4.191 da collocare all'inizio del 2014/2015. Ora però scopriamo che le cose sono andate diversamente: oltre 2mila vincitori di quel "concorsone" non verranno assunti. E siccome molti sono giovani laureati, non avranno nemmeno la possibilità di firmare un contratto a tempo determinato. Insomma, per loro oltre il danno (niente ruolo) si aggiungerà anche la beffa (niente lavoro). E la prospettiva di vedere vanificare tanti sforzi, perché entro due anni, massimo tre, la graduatoria dei vincitori decadrà in contemporanea alla pubblicazione di una nuova lista, composta dai vincitori del concorso successivo.

 

Le discrepanze tra i posti messi a concorso e quelli che effettivamente saranno assegnati ai ruoli sono presenti in tutti gli ordini di scuole. Per la scuola dell'infanzia, il bando prevedeva 1.411 vincitori da "spalmare" nel biennio 2013/14–2014/15. Ciò significa che ora sarebbero dovuti essere assunti in ruolo 903 nuovi docenti vincitori di concorso. Mentre nei prossimi giorni verranno assegnati la metà dei 1.274 complessivi (l'altra metà sono riservati ai precari inseriti nelle Graduatorie ad esaurimento): quindi, appena 637 cattedre a tempo indeterminato. Così 266 maestri dell'infanzia idonei saranno costretti ad attendere non si capisce cosa.

 

A ritrovarsi in questa situazione saranno anche tantissimi docenti della scuola primaria. Dei 3.502 vincitori di concorso, 2.241 (il 64%) sarebbero dovuti entrare in ruolo in questi giorni, per prendere servizio il prossimo 1° settembre. Invece, il Miur ha appena comunicato ai sindacati che saranno 2.161 ad essere assunti a tempo indeterminato. Anche in questo caso occorre considerare che la metà dei nominativi saranno "pescati" dai docenti meglio collocati nelle GaE. Quindi, i maestri che potranno trovare posto sono solo 1.080: ben 1.161 in meno rispetto a quanto preventivato nell'allegato 1 della Gazzetta Ufficiale (IV serie speciale) del 25 settembre scorso.

 

I beffati abbondano pure nella scuola media, dove il Miur ha messo inizialmente a concorso 629 posti per la classe di concorso A033 (Tecnologia), 410 posti per la A059 (Matematica e Scienze), 58 posti per la A030 (Educazione fisica), 1.871 per la A043 (Italiano, Storia e Geografia), 122 posti della A345 (Inglese), 64 posti per la A245 (Francese). In tutto si tratta di 3.154 posti. Considerando sempre poco più della metà da assumere subito, con l'inizio del prossimo anno scolastico sarebbero dovuti entrare 2.018 docenti neo-vincitori di concorso. Invece ne entreranno solo 1.460 (la metà di 2.919). In questo ordine di scuola il gap negativo è pari, quindi, a 558 posti.

 

Alle superiori il copione non cambia. Questi erano i numeri indicati dal Miur: 142 posti per la classe di concorso A017 (discipline Economiche ed aziendali), 70 posti per la A019 (discipline Giuridiche ed economiche), 26 posti per la A020 (Meccanica), 23 per la A034 (Elettronica), 21 per la A060 (Scienze), 84 posti per la A025 (Disegno e storia dell'arte), 340 posti per la A028 (Educazione artistica), 15 posti per la A029 (Educazione fisica), 49 posti per la A036 (Filosofia, psicologia e scienze dell'educazione), 128 posti per la A037 (Filosofia e storia), 197 posti tra A038, A047 e A049 (Fisica, Matematica, Matematica e Fisica), 602 posti per la A050 (Lettere), 339 posti sommando quelli messi a disposizione per le classi di concorso A051 e A052 (Latino e Greco), 156 posti per la A346 (Inglese), 67 per la A246 (Francese), 265 posti per gli Itp della classe di concorso C430 (Laboratorio tecnologico per l'edilizia ed esercitazioni di topografia). Ora, a fronte di 2.524 cattedre delle superiori da assegnare a chi si imponeva al termine della procedura concorisuale, era previsto che ne dovevano andare subito a ruolo 1.615. Invece, il Miur si fermerà a 1.568 (la metà dei 3.136 ufficiali). Facendo perdere per strada altri 47 posti.

 

Complessivamente, tra i vari ordini di scuole, ammontano a 2.032 le cattedre che il Miur ha prima messo a concorso e poi fatto sparire. L'Anief aveva ravvisato che i conti non tornavano già alcune settimane fa, andando ad incrociare i dati ufficiali sulla ripartizione regionale delle cattedre da assegnare tramite concorso pubblico con le elaborazioni su organici e mobilità del personale. Anticipando che a causa "degli errori di calcolo e di programmazione del Miur, delle norme che fanno decadere gli idonei col nuovo concorso e delle riforme Gelmini e Fornero che hanno ridotto cattedre, tempo scuola e turn over", per "migliaia di candidati meritevoli" il concorso a cattedre si sarebbe rivelato "una selezione-beffa". Ora, dopo aver analizzato i dati ufficiali, abbiamo avuto la conferma che la denuncia del nostro giovane sindacato non faceva una piega.

 

"Speravamo di non doverci stupire più di nulla – commenta Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario organizzativo Confedir – ma stavolta il 'teatrino' messo su dal ministero dell'Istruzione ha dell'incredibile: prima mette i posti a concorso, poi realizza delle lunghe e dure selezioni, ma alla fine premia solo una parte dei vincitori perché nel frattempo i posti non ci sono più. È un'ingiustizia, perché i posti vacanti solo per i docenti sono almeno 50mila e ogni anno vengono assegnate 100mila supplenze annuali. Vorrà dire che anche il superamento di questa situazione kafkiana, di un paese che bandisce un concorso pubblico lasciando i vincitori per strada, passerà per la decisione della Corte di Giustizia europea, sollecitata di recente dalla Corte Costituzionale, che dovrà decidere sulla compatibilità delle deroghe adottate in Italia con la direttiva comunitaria sulle assunzioni del personale precario".

 

 

 

 

 

 

ORDINE SCOLASTICO

 

ASSUNZIONI PROGRAMMATE NEL SETTEMBRE 2012:

DA ASSEGNARE SULLA BASE DELLE GRADUATORIE DERIVANTI DAGLI ESITI DEL CONCORSO A CATTEDRA

 

ASSUNZIONI CHE VERRANNO EFFETTIVAMENTE ATTUATE ENTRO IL 31 AGOSTO 2013

DIFFERENZA POSTI TRA QUELLI DECRETATI

UN ANNO FA

E QUELLI CHE ANDRANNO ORA IN RUOLO

Scuola dell'infanzia

903

637

-266

Scuola primaria

2.241

1.080

-1.161

Scuola secondaria di I grado

2.018

1.460

-558

Scuola secondaria di II grado

1.615

1.568

-47

TOTALE

-2.032

 

 

21 agosto 2013                                                
--
Luigi Palamara
Giornalista, Direttore Editoriale e Fondatore di MNews.IT
Cell.: +39 347 69 11 862

MNews.IT
www.mnews.it

Stadio Online, le notizie sportive
  • @MNews.IT
  • ... the only one!
Item Reviewed: SCUOLA – Immissioni in ruolo, beffa per 2mila docenti vincitori del concorso a cattedra, non ci sono i posti! Description: Rating: 5 Reviewed By: Luigi Palamara
Scroll to Top