728x90 AdSpace

Breaking News

venerdì 23 agosto 2013

Reggio Calabria, l'ex assessore Walter Curatola su tariffe impianti sportivi cittadini

Lo sport fornisce un contributo decisivo all'educazione ed alla formazione dei giovani, nonché alla vita democratica e sociale. L'attività sportiva è educativa e va percepita come risorsa nella lotta alla devianza giovanile o al recupero dalla marginalità ma questo sfugge ai nostri Commissari Prefettizi. Il recente tariffario approvato per usufruire degli impianti sportivi comunali "uccide" lo sport e le competenti associazioni sportive che, nonostante le numerose difficoltà e i tagli che questo settore ha subito, hanno continuato a mandare avanti le attività per i nostri giovani atleti. 

Reggio Calabria dispone di strutture sportive e spazi ludici che seppure nell'ultimo decennio sono aumentate di numero, sono ancora insufficienti per sfamare la voglia di sport dei nostri concittadini; se poi ci si mette pure la "mannaia" prefettizia penalizziamo gli sportivi e chi ha scelto di restare in questa città. Con queste tariffe, molte squadre dovranno abbandonare l'attività svolta sino ad oggi e tanti ragazzi non avranno più un posto dove potersi incontrare e fare del sano sport. Capisco il momento di crisi e la necessità da parte dei Commissari di dare ossigeno alle casse comunali ma non condivido l'opzione di penalizzare le preziose società sportive nel momento in cui lo sport serve come veicolo importante ai ragazzi della nostra città per allontanarsi dalla criminalità organizzata. Con l'assessorato allo Sport avevamo iniziato un lavoro incessante e strutturato e, in perfetta sinergia con i soggetti interessati, cioè associazioni e società sportive, avevamo intrapreso un lavoro sugli impianti sportivi e sull'assegnazione degli orari per l'utilizzo di questi. Dopo 5 anni, abbiamo riaperto con non poche difficoltà, la Pagoda dandola in gestione alle federazioni interessate per incentivare le attività sportive. Oggi l'impianto pullula di bambini e giovani che praticano le arti marziali ed orientali. 

Di certo, se al tempo in cui ero assessore avessimo applicato le stesse scelte "rigorose" dei commissari, l'imponente struttura sportiva non sarebbe stata mai aperta. Focus dell'amministrazione Arena, per ottimizzare i costi e le spese, era di dare in gestione gli impianti a federazioni, associazioni e società sportive, non solo per mantenere vive le nostre strutture ma anche per garantire le tariffe competitive e migliorare la qualità della gestione dell'impianto. Il nostro unico obiettivo era quello di incentivare lo sport perché esso è la base della formazione dei nostri ragazzi. Priorità del mio Assessorato era tutelare quell'aspetto sociale che la disciplina sportiva include, in altre parole socializzazione e cura del corpo e della mente cui tutti i cittadini hanno diritto. Priorità al momento non condivisa dall'attuale Amministrazione che, invece di garantire pari trattamento a tutte le società sportive reggine, lavorando affinché le stesse abbiano la possibilità di proseguire la propria attività agonistica senza disagi, impone scelte che porteranno alla chiusura definitiva di importanti società che, in questi anni, hanno dato lustro a questa città. 

Walter Curatola 
Ex assessore comunale allo Sport



--
Luigi Palamara
Giornalista, Direttore Editoriale e Fondatore di MNews.IT
Cell.: +39 347 69 11 862

MNews.IT
www.mnews.it

Stadio Online, le notizie sportive
  • @MNews.IT
  • ... the only one!
Item Reviewed: Reggio Calabria, l'ex assessore Walter Curatola su tariffe impianti sportivi cittadini Description: Rating: 5 Reviewed By: Luigi Palamara
Scroll to Top