728x90 AdSpace

Breaking News

domenica 25 agosto 2013

Per questo cielo e questo mare, dici anche tu: “No alla centrale!”

La sera del 22 Agosto 2013 presso il teatro nuovo di Pentidattilo, ha avuto luogo, l'evento che denuncia la probabile centrale a carbone di Saline Joniche.  La manifestazione si è svolta attraverso un grande concerto, realizzato da diversi gruppi calabresi e non; tra questi non potevano mancare i Kalavrìa, che con la loro musica e la loro canzone "A ballata du carbuni", hanno esposto le principali e dannose conseguenze della possibile struttura.  Inizialmente ha preso la parola Francesca Bonuccio, che fa parte del "Coordinamento Associazioni Area Grecanica - NO AL CARBONE" per ribellarsi all'assenza della Calabria dai quotidiani nazionali, dai libri scolastici, all'assenza di quella vera storia dalla quale prendono vita i valori reali che ancora oggi sono interrati nel territorio calabrese. In un secondo momento si è dato spazio alla speranza di una regione migliore, non più influenzata da una "merd economy" o una "grey economy" ( delle quali fanno parte la mafia, i rifiuti tossici, ecc.) bensì una Calabria dominata da una "rainbow economy" .

Si sono susseguiti così i vari gruppi, dai Versud ai Mystura, poi il siciliano DiMartino per arrivare infine ai veri protagonisti, i Kalavrìa che hanno come sempre coinvolto tutto il pubblico per intonare un unico e notevole canto: "NO AL CARBONE" .

Martina Stellittano

Dall'Album "Cinku" dei Kalavrìa – "A ballata du Carbuni"

"Na vota c'era cu c'era mastru Nicola ca cicculatera, ogni tanto iettava nu puntu aspittati chi ora vu cuntu…Anticamente le storie nel mio paese iniziavano così e questo racconto è un inno per il futuro di questa terra…"

 


Pu lavuru e pu sviluppu

Pa Calabria e u so riscattu

A Salina e a Muntibeddhu

N'di pigghiaru pu  fundeddu

 

Ci su fabbrichi i museu

Chista è l'era i marameu

Liquil Chimica e a ciminera

Non fumau n'ura intera

 

L'officina i riparazioni

Mai la misiru in funzioni

E a nu n'di n'chiana a rabbia

Puru u portu è chinu i sabbia

 

N'di futtimu du carbuni

Di miliardi e di miliuni

Nui cusì vulimu stari

Cu stu cielu e cu stu mari

 

Pi stuppari u malcontentu

Di miliardi iettati o ventu

Cu bon sensu e chi miliuni

Ca ndi portunu u carbuni

 

Cu li ciniri suttili

Simu tutti fumaturi

Ogni ghiornu ogni persona

Tri pacchetti si li sona

 

Ndi ristau sulu la morti

L'autri cosi ci su tutti

Tuttu u mundu la rifiuta

E li scori ca sdirrupa

 

N'di futtimu du carbuni

Di miliardi e di miliuni

Nui cusì vulimu stari

Cu stu suli e cu stu mari


 

Martina Stellittano




MNews.IT
www.mnews.it

Stadio Online, le notizie sportive

Giochi Gratis

Calabria 24Ore .IT

NewsOn24.IT
  • @MNews.IT
  • ... the only one!
Item Reviewed: Per questo cielo e questo mare, dici anche tu: “No alla centrale!” Description: Rating: 5 Reviewed By: Luigi Palamara
Scroll to Top